Fissata la data è tempo di iniziare i preparativi. Energia ed emozione sono a mille e hai voglia di buttarti a capofitto
nell’organizzazione della tua grande festa. Prima di dilettarti negli aspetti più divertenti, è necessario pensare anche all’iter
burocratico previsto per poter celebrare le nozze. Ecco alcuni consigli per capire come gestire il tuo matrimonio civile.

Quali documenti servono?

Per fissare la data delle nozze è necessario essere in possesso di documento d’identità valido. Muniti di questo, i futuri sposi si devono recare presso l’Ufficio di Stato Civile del proprio Comune di residenza e rilasciare un’autocertificazione che attesta le loro identità, loro volontà di sposarsi, la loro libertà da eventuali impedimenti. In questo modo parte la richiesta per calendarizzare la data del giuramento ed attivare le pubblicazioni civili.

Quando richiedere la pubblicazioni?

Una volta fatta la richiesta si fissa la data del giuramento. Dopo il giuramento le pubblicazioni vengono affisse pubblicamente per 8 giorni. Allo scadere di questo periodo, servono altre 4 giornate per le procedure tecniche. A questo punto viene rilasciato il documento che attesta la fattibilità del matrimonio. Tale certificato ha validità di 6 mesi quindi è importantissimo che il matrimonio venga celebrato entro questo periodo.
Il consiglio è quindi quello di muoversi circa 3 mesi prima della data delle nozze per essere tranquilli di fare tutto nei tempi.

Come sposarsi in un comune diverso da quello di residenza?

Quando uno o entrambi gli sposi hanno residenza in un comune diverso da quello designato per le nozze, bisogna comunque
effettuare la procedura presso la propria residenza. L’Ufficiale di Stato Civile si preoccuperà di richiedere la pubblicazione
anche nell’altro Comune, che deve affiggere le pubblicazioni sempre per 8 giorni interi. Al nono giorno viene reciprocamente
confermata tra i Comuni la fattibilità del rito.

Come sposarsi all’estero?

Il cittadino italiano può sposarsi all’estero e far riconoscere il matrimonio in Italia. Per farlo è necessario ottemperare a tutte le
richieste burocratiche previste dalla Nazione in cui il rito viene celebrato.
Il cittadino italiano deve comprendere i vari passaggi da fare sia nei confronti del Paese ospitante, sia nei confronti del
Consolato italiano che ha poi il compito di tradurre e legittimare l’atto di matrimonio.
Puoi trovare tutti i riferimenti normativi e procedurali a questo link.

5 idee per personalizzare il tuo rito civile

Anche il matrimonio civile, può essere personalizzato ed emozionante. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Rito simbolico: oltre alla semplice lettura degli articoli civili ormai sono tante le possibilità per arricchire di romanticismo e atmosfera il rito civile. La cerimonia delle candele, quella della sabbia o quella dei nastri possono essere spunti molto belli per rendere più coinvolgente la tua cerimonia.
  • Musica: a differenza del rito religioso che ha le sue limitazioni, qui puoi spaziare e attingere a tutti i generi musicali per personalizzare il tuo rito. Musica dal vivo o no, le note della tua canzone preferita daranno a questi momenti una carica unica.
  • Letture: come per la musica, anche qui hai massima libertà di scelta. Puoi scegliere un pezzo letterario, una poesia o il testo di una canzone. Le parole hanno un ruolo molto importante e per rendere meno asettica la procedura di lettura degli articoli civili, aggiungere una lettura è un’ottima idea.
  • Allestimenti: in armonia con la location, libera la fantasia e scatena l’immaginazione. Collabora con la tua fiorista per abbellire la sala comunale e renderla accogliente e festosa.
  • Voti personalizzati: le tue promesse possono essere scritte direttamente da te e aggiungersi a quelle istituzionali. Che dire, prepara i fazzoletti!

Dove celebrare il rito civile?

La sala comunale è il luogo solitamente adibito alla celebrazione del rito civile, ma oggi molte ville e location si sono attrezzate per avere la delega comunale e poter celebrare il matrimonio nelle loro splendide sale o nei giardini. Se hai questo in mente per il tuo matrimonio, contatta il fornitore che hai scelto per chiedere maggiori informazioni.

Eccoci dunque al termine di questa carrellata di informazioni utili ad aiutarti ad organizzare il tuo matrimonio civile. L’ultima
domanda che ti pongo è: cosa desideri dalle tue fotografie di matrimonio? Ovunque tu decida di sposarti, il focus restano le tue emozioni. Un fedele racconto di quegli istanti unici e irripetibili. Cogliere l’attimo non significa solo narrare in sequenza
quello che accade, ma dare a quei momenti carattere d’eternità e unicità. Se desideri questo dalle tue fotografie, contattaci e raccontaci il tuo sogno: Clicca Qui per contattarci!

 

Pin It on Pinterest